LE TERRE DEI BOSCIMANI : BOTSWANA

adrimavi : africa : botswana : ghanzi
viaggiatore non registrato . iscriviti e fai parte della più grande community di viaggiatori . sei registrato? effettua il login

Diario di viaggio BOTSWANA BOTSWANA
LE TERRE DEI BOSCIMANI

GHANZI

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

LE TERRE DEI BOSCIMANI

Località: GHANZI
Stato: BOTSWANA (BW)
0

Data inizio viaggio: giovedì 16 novembre 2006
Data fine viaggio: sabato 18 novembre 2006

Sono 806 chilometri di strada dritta e vuota, da Lobatse a GHANZI, una striscia scura d’asfalto interminabile che penetra nel vuoto assoluto del deserto. Circondata dall’immenso silenzio della savana, inaspettatamente verdastra, che ricopre la sabbia; avvolta dal cielo sconfinato, sorvolato da spettacolari ma innocue nubi. Ecco la Trans-Kalahari Highway. Niente traffico, pochissime indicazioni. L’affrontiamo con una tanica di benzina di scorta e con la speranza di non avere guai meccanici. Dopo un’ora già ti ingoia e annoia, il sole non da tregua. Il silenzio tutto intorno è rotto solo dal rumore del motore e dell’aria condizionata; 207 km di nulla fino a Sekoma, che a dispetto di quanto segnato sulla carta geografica non è una città, ma un miserevole villaggio. Altri 160 km di nulla è s’arriva a Kang meno che un villaggio, poi 439 di nulla, per arrivare a GHANZI, primo e vero avamposto dopo Lobatse. Nella calura del mezzogiorno ogni creatura vivente è immobile, all’ombra di un albero, per ripararsi dal sole. Si tratta essenzialmente di asini, mucche e pecore. Poi, a partire da metà pomeriggio, progressivamente, dai bordi della carreggiata, si spostano in mezzo alla strada tanto da impadronirsene. Tutte le volte che li si vede profilarsi davanti la velocità si riduce quasi a fermarsi poiché non si muovono finché l’auto non gli è pressoché addosso. Il parabrezza è costantemente sporco di sangue degli insetti spiccicati sul vetro. Alla fine della giornata dopo tre cambi guida, due sole fermate, i sederi piatti per la lunga traversata s’arriva a GHANZI. Stanchi per il viaggio il paese sembra niente di più di un grosso villaggio con un solo hotel e due benzinai, quanto basta per rifocillare noi e il nostro mezzo. Domani quando ci saremo opportunamente riposati avremo modo di vedere GHANZI per quello che è veramente ossia la “Capitale dei boscimani”!

“Chi sono i boscimani”?
I boscimani sono un popolo di cacciatori-raccoglitori famosi per la loro abilità a procacciarsi il cibo ed essere in grado così di fronteggiare l’aridità del deserto del Kalahari. San, che significa “altri”, è il modo dispregiativo con cui vengono chiamati in quanto vivono senza mandrie da accudire e sono incapaci di coltivare. Gli europei, boeri e anglosassoni, conservarono il termine san, che nell’idioma europeo diventa bushman, uomini che vivono con quello che trovano nel bush, appunto i boscimani. Passeggiando su una delle due uniche strade asfaltate, che attraversano il villaggio di Ganzi, se ne incontrano facilmente distinguibili per i particolari caratteri somatici, piccoli e asciutti, dal colore della pelle scuro, ma non neri come i cittadini botswani.

Un’esperienza indimenticabile oltre che educativa è il safari a piedi nel bush accompagnati dai san. La Game Farm che organizza questo genere di escursioni è quella di Dqae Qare, segnalata da un bivio all’incirca a metà strada tra GHANZI e D’kar si raggiunge dopo 7 km di pista accidentata e sabbiosa.
Ci accompagnano nel bush tre donne boscimani, nonna, figlia e nipote, vestite all’occidentale indossano avanzi cenciosi di qualche turista. Man mano che si procede, davanti a determinate piante, si fermano per mostrarci quali benefici ne traggono. Restiamo subito sorpresi, quando la più anziana si siede a terra e con un bastone scava una buca nella sabbia dalla quale tira fuori una specie di tubero pieno d’acqua. Ci indicano poi un’altra pianta con fiori bianchi che ridotti in polvere sono efficaci contro il bruciore degli occhi. Tutto il bush sembra pieno zeppo di radici, erbe e bacche che procurano tutto quello di cui hanno bisogno acqua, cibo e medicine. Per esempio lo sterco di proravia fa bene alla prostata, il frutto del sausage tree a contatto con la pelle è efficace contro i melanomi. A un certo punto dalla sabbia raccolgono addirittura una patata. Il Kalahari visto da dentro, a differenza di quanto si riesca a percepire dalla strada in auto, non è solo una distesa rovente e arida, riarsa dal sole, polverosa e sabbiosa, d’erba gialla e piccoli cespugli, ma sembra una terra fatta apposta per i san. Solo un popolo di cacciatori e raccoglitori è in grado di viverci. L’allevamento e l’agricoltura sono impossibili.
E’ singolare ascoltarli, quando parlano la loro lingua è un susseguirsi armonioso di schiocchi e click che scaturisce un suono a noi strano e singolare.
I San, almeno quelli più intraprendenti e testardi, sono sempre più coinvolti in progetti di conservazione delle loro origini come attività turistiche, quali “safari a piedi per cacciare o per raccogliere” l’intento è quello di auto sostenersi nelle loro zone di origine. Non è facile poiché i turisti attratti da interessi etnologici sono annualmente davvero pochi.
Oggi alcuni operatori sfruttando la bontà dei san, ancor più dell’ingenuità dei turisti, organizzano tour di comune accordo con il comitato di sviluppo dei San di Maun. E’ tutto perfettamente programmato. All’occorrenza i san si trasferiscono dalla città nel bush svestendosi degli abiti occidentali e indossando quelli dei loro avi facendosi trovare in un fantomatico accampamento. Ospitano i turisti nelle proprie capanne danzano intorno al fuoco e partecipano a safari di caccia. Il tutto è inscenato a beneficio del turista. Che non è un peccato… Peccato purtroppo che gli introiti di tale forma di turismo sono in maggior parte incassati dall’operatore e non dai boscimani.

Non illudetevi, il modello di vita dei boscimani è scomparso, ormai hanno perso la capacità di cavarsela nell’ostile territorio del deserto. Siamo venuti fin quaggiù anche per cercare i boscimani una delle ultime autentiche ed esotiche etnie africane, da documentare con riprese e fotografie. I boscimani esistono ancora, ma non vivono più secondo il loro antico stile di vita ormai totalmente perduto. Non aspettatevi di incontrarli vestiti con le pelli di animale, impugnare l’arco, o abitare in capanne costruite con i rami flessibili su cui applicano erba e stuoie. Oggi se vedete dei san così altro non sono che fenomeni da baraccone esibiti alla curiosità del turista
«I boscimani sono scomparsi e le loro capanne non stanno più qui.» È il grido di dolore lanciato dal capo dei boscimani. Contemporaneamente al miracolo economico del Botswana, grazie all’estrazione dei diamanti da parte della De Beers, di cui oggi il paese è il primo produttore al mondo, la controversia con i san si risolveva con la sistemazione di costoro in zone di insediamento create dal governo in aree marginali con la promessa che avrebbe portato loro sviluppo e civilizzazione. Nient'altro che scuse in realtà l'obiettivo era appropriarsi le terre e delle risorse dei san. A seguito della scoperta nel Kalahari di grandi giacimenti di pietre preziose. Comprensibile la volontà dei san a non lasciarsi rinchiudere in queste riserve. In questa sorta di campi di concentramento soltanto più estesi,
La protesta dei "boscimani" è ben sintetizzata nelle parole di Rosy Sesana «Mi chiedo che sviluppo sia mai quello che fa vivere la tua gente meno di quanto vivesse prima…Stiamo prendendo l'AIDS, i nostri bambini non vogliono andare a scuola perché là vengono picchiati, alcuni si stanno dando alla prostituzione. Non gli è permesso cacciare allora litigano perché si annoiano e bevono. Alcuni hanno cominciato a suicidarsi. Non si è mai vista una cosa del genere prima! Fa male raccontare queste cose. E' questo lo sviluppo?»
Dopo anni di lotte giudiziarie, grazie anche all’intervento di associazioni umanitarie a difesa dei popoli tribali, proprio nel novembre del 2006, quando l’etnia san sembrava irrimediabilmente indirizzata alla fine, la Corte Suprema di Lobatse

Translate this travel in english, by Google uk

Tutela e copyright dei viaggiatori: ogni riproduzione non autorizzata dall'autore del seguente materiale testuale e fotografico è vietata per scopi diversi da quelli personali

Loading...
Per inserire una tua domanda o commento su questo viaggio devi essere registrato.
Puoi farlo in questa pagina.
Se sei già registato, effettua il login

Come giudichi la qualità dei contenuti di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

Come giudichi la qualità delle foto di questo viaggio?


Scarsa       Ottima

ricerca viaggi america america centrale america del sud africa europa medio oriente asia oceania
registra

il profilo di: adrimavi

  • ADRIANO SOCCHI
  • Età 18685 giorni (51)
  • BRA - VIA CRIMEA
  • "Percorrere le strade del mondo non per misurare distanze, ma per provare emozioni, trovare esperienze da condividere e parole da raccontare..."

Contatti

La mappa dei miei viaggi

Il feed RSS dei miei viaggi

>