L'Indonesia di Daniele Somenzi

stato: indonesia (id)

Data inizio viaggio: sabato 1 gennaio 2000
Data fine viaggio: sabato 1 gennaio 2000

Indonesia
Uno dei primi boeing 747 con le winglet mai consegnati è quello della Francese UTA, che ci preleva a Singapore e ci porta sino alla capitale Jakarta,
Appena arriviamo io e Michela, abbiamo problemi per ritirare il bagaglio, e poi ci facciamo accompagnare con un taxi in centro dove si trova piu o meno l'ostello che cerchiamo, è si perche l'autista del taxi non sa dov'è questo posto. allora scendiamo e prendiamo un tuc tuc, l'ape della thailandia per intenderci, che ci porta fino alla casa privata, che non è un'ostello ma appunto un'affittacamere. la proprietaria che non mi sembra una poveraccia, affitta un paio di camere, chi ne ha tanti, infatti ne vuole sempre di piu.
Comunque a noi sta benissimo, usufruiamo della villa come fossimo parenti.
Il giorno dopo, senza bagagli ingombranti appresso. andiamo in centro fino al blocco B, con un bus, qui i pulman pubblichi non si fermano alle fermate, si prendono al volo, lui rallenta, a quasi fermo ma non si ferma, un sistema dinamico per non perdere tempo. Infatti ogni bus cittadino è dotato di una persona acchiappa clienti al volo, ossia aggrappato alla porta d'entrata da una parte, lui prende per un braccio il passeggiero che sale e lo tira dentro. la discesa è molto piu semplice, basta un salto e ognuno scende. e tutto questo in mezzo al traffico. Incredibile.
A proposito Jakarta, per me è un'altra città che è finita come Bangkok e il Cairo nel mio libro nero. mai piu. e questo per lo smog e traffico senza regole caotico e stressante.
17508 sono le isole di questo immenso arcipelago, anzi togliemone una da quando timor ha avuto la sua indipendenza.
Prendiamo le nostre rupie indonesiane per pagare il panino in quella specie di mc donald, e poi facciamo un giro nel grande shopping centre. qui vendono di tutto, anche i rospi imbalsamati, e per la prima volta vedo le angurie gialle. la curiosità di assaggiarla è troppa. cosi ne compro una .Il gusto è identico a quelle rosse. e visto che io vado matto per le angurie, me la gusto con piacere. Mi tengo un paio di semi che attaccati con il nastro adesivo spedisco su una cartolina al mio amico Giuseppe di Cappella di Casalmaggiore che le coltiva.
Piu tardi proviamo ancora l'esperienza di acchiappare il bus al volo, ma noi siamo giovani, è quasi un divertimento, ma coi vecchietti si vedono delle scene da non credere, chi da dietro li spinge su e l'altro che se li tira dentro., mi chiedo ma non è mai caduto nessuno? mah!!
La nostra giornata in città, ci ha riempito i vestiti di smog, cosi decidiamo di stare il giorno dopo, rilassati tutto il giorno in casa, basta Jakarta. Finalmente arriva il giorno di prendere il taxi per l'aeroporto e anche se l'aereo è alla sera, andiamo là 6 ore prima. Purtroppo però non ci hanno fatto subito il chek in e siamo dovuti stare 4 ore in una sala dì entrata molto brutta, poi, di là dalla dogana invece tutta un'altra cosa.
Finalmente il nostro bestione francese atterra e siam ben felici di salirci a bordo.
ciao

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...