raid a Sofia

località: sofia
stato: bulgaria (bg)

Data inizio viaggio: martedì 1 gennaio 2008
Data fine viaggio: martedì 1 gennaio 2008

Giunto a sofia in treno nel '90 come tappa di un lungo viaggio in cui avevo toccato Svizzera, Germania Occidentale, Danimarca, Norvegia,Finlandia, Svezia, Germania dell'Est, Cecoslovacchia, Ungheria, Yugoslavia, Turchia europea e naturalmente Bulgaria. Era appena caduto il regime comunista e avevo trovato il tutto molto desolante. La stazione era discosta un pò dal centro storico raggiungibile dopo una lunga camminata a piedi. La dittatura bulgara aveva lasciato questo Paese in ginocchio e la povertà della gente era tangibile. Cambiai qualche soldo e telefonai a casa nella hall di un grande albergo, uno di quelli riservati agli stranieri come ce n'erano tanti nel blocco socialista che non rispecchiano assolutamente l'economia reale della Nazione. Ai margini delle strade veniva tentato qualche timido commercio come quello di anziane donne che vendevano semi di girasole incartati dentro coni di carta fatti con i fogli dei quotidiani. Dopo un breve giro del centro storico invaso dalla miseria e una passeggiata nell'umile mercatino decisi di tornare alla stazione per riprendere il treno, ero giunto da Belgrado solo poche ore prima e ripartii per Istambul. Mi rimasero in tasca molte banconote così sbiadite e così usate che quasi si disintegravano in mano. Durante la sosta non riuscii a mangiare niente, nemmeno una fattispecie di gelato molto più simile a una caramella mou che a un sorbetto.
Sono tornato alcuni anni dopo in Bulgaria e l'ho trovata molto cambiata (vedi "Tour in Bulgaria") .

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...