Croazia Express

località: rovigno
regione: istria
stato: croazia (hr)

Data inizio viaggio: mercoledì 3 agosto 2011
Data fine viaggio: mercoledì 3 agosto 2011

Una giornata dedicata alla scoperta di Rovigno.

Partenza alle ore 08.15 dal porto di Ravenna, con l'aliscafo veloce della compagnia Emilia Romagna Lines, arrivo verso le 11.00 a Rovigno, ritorno in serata.

La cittadina di Rovigno, sorge su una costa frastagliata a sud del fiordo di Leme, in Istria. Non è un molto grande, in quanto conta meno di 15.000 abitanti, un paio d'ore sono sufficienti per vedere le cose più importanti ed interessanti dal punto di vista turistico: l'Arco dei Balbi, costruito nel 1680 è l'antica porta della città, in stile chiaramente veneziano, la Chiesa di Sant'Eufemia costruita nel 1736, la Torre dell'Orologio e il bel porto.
Purtroppo a Rovigno non vi sono molte spiagge, in quanto la costa è rocciosa, il mare invece è molto bello e l'acqua è limpida.
Tutti gli abitanti parlano perfettamente l'italiano, in quanto vige il bilinguismo, tutto riporta la doppia dicitura in lingua croata e italiana, un po' come in Alto Adige da noi.
Capitolo moneta: l'Unione Europea e l'euro non sono ben visti da molti croati, e quindi dovrete cambiare un po' di euro in kune, in quanto la nostra moneta non viene molto accettata; io ho usato come ufficio di cambio: il bar Finland (mi è stato consigliato dai locali), che oltre a servire le normali bevande, fornisce anche questo servizio.
In conclusione Rovigno merita una visita. Nell'arco di una giornata potete visitarla bene e riuscirete anche ad immergervi nelle sue acque trasparenti.

Storia: fondata probabilmente dall' antica popolazione degli Histri, assunse importanza sotto i romani, con il nome di Arupinum. Appartenne per diversi secoli alla Serenissima Repubblica di Venezia, prima di cadere nelle mani di Napoleone, e successivamente sotto all'impero Ausro-Ungarico. Con il finire della prima guerra mondiale, Rovigno e l'Istria divennero italiani fino al 1947, data in cui furono ceduti alla Jugoslavia.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...