Cara Parigi cara

località: parigi
stato: francia (fr)

Data inizio viaggio: martedì 7 luglio 2009
Data fine viaggio: domenica 19 luglio 2009

Parigi O CARA
A Parigi siamo arrivati il giorno 8 mattina con il treno partito da Firenze la sera prima e siamo partiti dalla gare de Lyon il 19. Le cose che abbiamo visto sono le seguenti:
ITINERARIO:
8 luglio. Notre Dame, Mosquée de Paris, Institut du monde arabe, Jardin des Plantes.
9 luglio. Tour Eiffel, Musée Guimet, Musée du Quai Branly, Musée de l’armée, Musée Rodin.
10 luglio. Jardin des Tuileries, Louvre, L’Orangerie, Musée du quai d’Orsay, Beaubourg.
11 luglio. Versailles, Promenade Plantée.
12 luglio. Musée National du Moyen Age, Panthéon, Saine Chapelle, Conciergerie.
13 luglio. Chartres: Cathédrale, église de Saint Pierre, église de Saint Aignan.
14 luglio. Arc de Triomphe, Champs Elysées, Marais
15 luglio. Porte Dorée, Musée de l’immigration, Chateau de Vincennes
16 luglio Butte Montmartre, Saint Denis
17 luglio Quartier Katin, Canal Saint Martin
18 luglio. Saint Germain des Prés, Jardin du Luxembourg
19 luglio Partenza
Elenchiamo le sette cose migliori e le sette peggiori di Parigi. Non è certamente il primo viaggio nella capitale della Francia, anche se è passato molto tempo.
Migliori:
1. Spazi verdi. A Parigi si trovano diversi parchi e diversi percorsi nel verde. Dall’inizio della Promenade Plantée al Chateau de Vincennes abbiamo percorso 6 chilometri nel verde.
2. I semafori ad ogni attraversamento pedonale sono una sicurezza
3. Il métro collega ogni punto della città, è rapido e facile da usare.
4. Il Paris museum pass permette di risparmiare e di couper les queues
5. Le piste ciclabili e le biciclette a noleggio.
6. Il Canal Saint Martin
7. La trasparenza degli alti pezzi.

Peggiori:
1. Il chiasso gratuito delle auto della polizia, delle autoambulanze, dei pompieri e di chunque indossi una divisa.
2. Les crottes des chiens. Dappertutto.
3. I Clochards. Inoffensivi, ma con un diritto ad un tetto.
4. Il sudicio per le strade.
5. La nuova mania di parlare tutti in inglese.
6. Il petit déjeuner, a parità di prestazione prezzo doppio di quello italiano
7. I prezzi in genere.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...