Parigi - Estate 2010

località: parigi
stato: francia (fr)

Data inizio viaggio: martedì 10 agosto 2010
Data fine viaggio: domenica 15 agosto 2010

Viaggio di 5 notti nella romantica Parigi dal 10.08 al 15.08, con partenza da Malpensa alle 8.00 AM e rientro alle 14.30 PM del 16.08, entrambi voli Lufthansa, comodi ed in perfetto orario.
Consigli:
• Acquistate una tessera per i mezzi con validità in base ai giorni di permanenza, risparmierete molto arrivando ovunque, state però attenti che si smagnetizzano facilmente
• Per mangiare andate al Quartiere Latino, qui si mangia di tutto a prezzi accettabili, altrimenti prendetevi una baguette, le farciscono bene ed in vario modo
• Per colazione se pensate di farvi un cappuccino con briosche non vi conviene farla in hotel perché è costosissima, uscite e fermatevi in una pasticceria dove potrete gustare dei croassant fantastici ad un prezzo normale
• Purtroppo le visite ai musei e ad alcune chiese sono costose, ad ogni modo noi non abbiamo fatto le tessere turistiche perché con quelle non si entra ovunque e facendo bene i conti non avremmo risparmiato niente. Piuttosto è conveniente usufruire di biglietti scontati, in alcuni musei ve li offrono in aggiunta a quelli che state acquistando
• Portate con voi indumenti pesanti anche d’estate, il clima è molto variabile

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

L'Ile de la Cité

martedì 10 agosto 2010

Arrivati all’aeroporto Charles De Gaulle dopo un’ora e 20’ di viaggio abbiamo ritirato i bagagli e abbiamo raggiunto l’albergo HOTEL QUALITY OPERA SAINT LAZARE. C’è voluto quasi più tempo arrivare qui che volare, del resto abbiamo dovuto prendere lo shuttle dal terminal 3 al terminal 1, poi il treno ed infine la metro fino alla stazione Europa, poi però con i mezzi è stato sempre facile raggiungere ogni luogo che abbiamo voluto visitare. Una volta sistemati i bagagli abbiamo raggiunto la prima meta: a mezzogiorno eravamo a Notre-Dame. Visitata la cattedrale abbiamo mangiato la nostra prima baguette e poi rimanendo sulla Ile de la cité ci siamo diretti alla St Chappel e alla Concergerie. In seguito siamo passati sull’altro lato della Senna e abbiamo fatto un giro per il Quartiere Latino dove impazzano i locali, in particolare Ristoranti e Bistrot. Visitata la chiesa di St Severin ci siamo diretti verso l’università della Sorbona fino a raggiungere il Phanteon. Fatto un giro al suo interno abbiamo visitato la chiesa di St Etienne du mont che si trova al suo fianco, davvero molto bella, ritornando poi al quartiere latino per la cena e rientrando presto in albergo dal momento che le forze iniziavano a venir meno.

La Tour Eiffel

mercoledì 11 agosto 2010

Sveglia alle 8.00, usciamo e ci dirigiamo al Louvre. Dopo aver fatto colazione in un bar lì vicino ci siamo diretti al museo ma abbiamo rinunciato ad entrarvi perché c’era una coda di centinaia e centinaia di metri. Quindi ci siamo diretti al Museo D’Orsay, dove siamo entrati in un tempo ragionevole. Questo è probabilmente il museo più interessante di Parigi. Piccolo e ricavato all’interno della vecchia stazione lungo la Senna raccoglie i quadri dei più grandi maestri Impressionisti. Terminata la visita abbiamo mangiato un’ottima baguette e ci siamo diretti all’ Esplanade des Invalid. Questa costruzione immensa contiene il museo militare, noi però l’abbiamo solo attraversata raggiungendo il Dome, la chiesa accanto famosa per la sua cupola dorata e perché contiene la tomba di Napoleone. Da qui ci siamo diretti alla Tour Eiffel attraversando i giardini e salendovi sopra dopo una lunga attesa, che però vale la pena di fare per poter vedere dall’alto tutta la città. Infine siamo tornati al quartiere latino in metrò, abbiamo visitato l’antica libreria Shakespare prima di cenare e poi siamo rientrati in albergo.

Il Louvre

giovedì 12 agosto 2010

Stamattina ci siamo mossi più in fretta per evitare la coda di ieri al Louvre, infatti arrivando per le 9.00 siamo entrati dopo 10 minuti. Questo museo è immenso, è impensabile vedere tutto, quindi come noi preparatevi a casa l’elenco delle cose che vi interessano e poi con la cartina vi sarà facile visitarle. Noi siamo partiti dai dipinti italiani, dove purtroppo vanno tutti solo per vedere la Gioconda senza nemmeno accorgersi di passare davanti a tanti altri quadri di immenso valore… ci vuole pazienza... Successivamente abbiamo visitato le sculture, in particolare Amore e Psiche, la Vittoria di Samotracia e la Venere di Milo. Infine non potevamo non vedere la sezione Etrusca, quella Egiziana e quella della Mesopotamia. Dopo 4 ore siamo usciti, ci siamo presi un’ottima baguette in un take away lì vicino e poi abbiamo fatto un giro nei giardini del Palazzo Reale, ammirando il famoso cortile con le colonne bianche e nere di varie altezze. Da lì ci siamo diretti verso gli Champs Elysées, attraversando prima tutti i giardini dal Louvre fino all’obelisco, visitando il museo dell’Orangerie dove abbiamo ammirato le Ninfee di Monet, giungendo infine stravolti all’Arco di Trionfo. Non ci siamo fatti mancare ovviamente un giro per i negozi, poi con la metrò ci siamo diretti al quartiere di St Germain dè Pres dove abbiamo visitato la chiesa, alcune bancarelle e vari negozi, raggiungendo a piedi il quartiere latino. Dopo cena ci siamo diretti al Pont Neuf, il più antico ponte di Parigi, che si trova sulla punta dell’Ile de la Citè, e qui abbiamo preso il battello e ci siamo goduti il giro sulla Senna di sera, davvero spettacolare e molto romantico. Infine rientro in albergo, stavolta un po’ più tardi del solito ma ne è valsa la pena.

Versailles

venerdì 13 agosto 2010

Questo giorno l’abbiamo dedicato alla visita di Versailles. Dopo un’ottima colazione in una pasticceria vicina all’albergo ci siamo diretti alla stazione di St.Lazarre e abbiamo preso il treno. Dopo un viaggio di circa 1 ora, siamo arrivati e abbiamo subito acquistato i biglietti al primo negozio. Abbiamo preso il pacchetto completo che comprende anche il trasporto con il trenino sia all’andata che al ritorno, con giro turistico della cittadina. Giunti alla Reggia siamo rimasti impressionati dalla sua maestosità: dopo una lunga coda abbiamo ritirato un’audio guida e abbiamo iniziato il lungo tour attraverso le stanze più famose, passando per la cappella del re, i 7 saloni dedicati ai pianeti e poi quelli più sfarzosi, cioè il salone degli Specchi, quello della Pace, quello della Regina fino al salone delle Battaglie. Scendendo siamo passati per l’appartamento del Delfino del re e poi siamo usciti per ammirare i famosi Giardini. Qui tra grandiose fontane e immensi parchi abbiamo mangiato la solita baguette ripiena e poi ci siamo diretti ‘a piedi’ verso il Grande e verso il Piccolo Trianon: si tratta di altri 2 palazzi, il primo del re l’altro della regina, dove questi andarono ad abitare per avere un po’ di intimità quando la reggia si riempì di sudditi. Una volta usciti dalla reggia ci siamo fatti il giro della cittadina con il trenino fino alla stazione e siamo rientrati a Parigi, dove ci siamo diretti al Museo Pompidou. Si tratta di un museo d’arte contemporanea al cui esterno si trovano strane sculture e un sacco di giovani di varie culture, alcuni dei quali si esibiscono per recuperare qualche soldo… noi abbiamo dato solo un occhio dentro e fuori, poi ce ne siamo andati al quartiere latino cenando ottimamente in una brasserie e rientrando in albergo decisamente stravolti.

Montmartre

sabato 14 agosto 2010

Dopo aver fatto colazione ci siamo diretti all’Operà e in attesa che aprisse abbiamo fatto un giro per i grandi magazzini Lafayette. L’Operà è davvero molto bella, i saloni sono altamente decorati, i marmi risplendono in un gioco di luci e colori ed il teatro ha un soffitto coloratissimo. Da lì siamo andati alla Piazza della Bastiglia dove rimane solo un grande obelisco, poi ci siamo diretti alla Piazza des Vosges, la più antica di Parigi, dove abbiamo visitato la casa di Victor Hugo. In seguito siamo andati al Museo di Picasso che sfortunatamente abbiamo trovato chiuso per restauri, quindi ci siamo diretti verso Montmartre, il quartiere un tempo popolato dai più famosi artisti, che si trova sul colle di Parigi. Dopo un’infinita scala a chiocciola siamo usciti dalla metrò e ci siamo diretti verso una panetteria per prenderci una baguette, avendo piuttosto fame ci siamo mangiati anche una specie di panzerotto ed un dolcetto… tutto molto buono. Da lì siamo scesi per vedere il famoso Moulin Rouge, uno dei simboli di Parigi, poi ammirando i vari negozi siamo saliti fino alla Chiesa del Sacro Cuore, da cui si può ammirare tutta la città. Scendendo ci siamo fatti un giro per ammirare gli artisti da strada ed i loro dipinti, molto interessanti ma davvero molto cari, poi siamo rientrati al quartiere latino, abbiamo cenato di nuovo ottimamente alla brasserie del giorno prima e poi siamo rientrati in albergo.

Ritorno a casa

domenica 15 agosto 2010

Ultimo giorno, fatti i bagagli abbiamo cercato un bar per fare colazione, essendo domenica ed anche ferragosto è stato difficile trovarne uno aperto. Sotto la pioggia ci siamo diretti alla metrò e poi all’aeroporto, partendo in orario e rientrando a casa felici di avere visitato una città davvero romantica e ricca di cultura.