Berlin eine Reise wert

località: berlino
stato: germania (de)

Data inizio viaggio: lunedì 16 luglio 2012
Data fine viaggio: lunedì 23 luglio 2012

16 Bruxelles-Berlino Treno per Liegi p. 9.03 a, 10.06 treno ICE Treno Liegi 11.12 Cambio a Colonia a. 12.15- p. 12.48 arrivo HBF Berlino 17.12 ICE
Abbiamo dormito 7 notti ne Motel One Berlin Hauptbahnhof Invalidenstrasse 54 € 84 a notte
Reichstag - Porta di Brandeburgo – Unter del Linden
17 luglio Berlino Cattedrale – Museo di Pergamon – Alexander Platz – Marienkirke Nikolaivietel con la chiesa di Saint Nicolas. Nikolaivietel è il quartiere più antico della città di Berlino. Sono da scoprire tutte le sue stradine ed i suoi edifici medievali..
18 Berlino Porsdamer Platz – Gemalde Galerie
19 Berlino Potsdam con il metro linea s 7. Parco Sanssouci – New Chambers – New Palace – Spandau con il vecchio edificio, la torre di guardia, il museo e la famosa esposizione d’arte.
20 Berlino Mauerpark – Bernauer St. n. 111 – Charlottenburg – Ka. De. We.
21 Berlino Campo di Sterminio di Sachsenhausen a Orienburg
22 Berlino Holocaust Denkmal – Gendarmer Markt – Charlie point – Hamburger Bahnhof - Zionskirke
23 luglio Berlino Partenza Da Berlino Schipol aeroporto a Pisa 12.15-14.15
Easyjet 81 €


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...

Arrivo e Hotel

lunedì 16 luglio 2012

Nel muoverci da Bruxelles a Berlino abbiamo preso il treno normale fino a Liegi e di lì ci siamo spostati con l'ICE con un cambio a Colonia.
A Berlino abbiamo invece usato per tre giorni la Tageskarte (meno di 7 € a testa). Il biglietto va obliterato anche se nessuno ha controllato durante i lunghi viaggi effettuati. La piantina della S Bahn e della U Bahn non è delle più facili a leggersi anche perché la legenda è scritta molto piccola. Modeso consiglio: andate in una copisteria e fatela ingrandire in A 4.
Motel One Invalidenstrasse 54 Berlino
L'hotel si trova a cento metri a sinistra dell'Hauptbahnhof ed è visibile con i suoi undici piani appena si esce dalla stazione guardando a sinistra. La reception è formata da personale gentile che parla un inglese corretto anche se per lo più abbiamo discusso in tedesco. La struttura è molto moderna, le camere sono pulite, gli asciugamani vengono cambiati tutti i giorni. Il televisore è di grandi dimensioni, con schermo piatto e con molti canali, compresa RAI 1 che non è il massimo della televisione italiana. Centrale, permette non solo di usufruire dei servizi della stazione per la colazione o per la cena, ma anche di supermarket nelle vicinanze (Penny in Alt Moabit). Possiamo cosìpagare una bottiglia di acqua a prezzo onesto. Abbiamo utilizzato per tre giorni la Tageskarte e il metro partendo dalla stazione, mentre gli altri quattro abbiamo raggiunto agevolmente tutte le mete previste a piedi.
Reichstag
Lo vediamo subito, la sera del 16 luglio, poco dopo aver depositato le valigie in albergo. E' oggi la sede del Bundestag, il Parlamento tedesco, e il nuovo simbolo della repubblica tedesca. Vicino alla stazione centrale si trova nell Spreebogen, un meandro del fiume Spree a forma di ferro di cavallo. L'ingresso è gratis, ma bisogna prenotare per tempo e c'è sempre fila al chiosco delle prenotazioni che si trova a destra guardando l'edificio, oltre la strada. L’architettura moderna del Reichstag, oltre a rispettare l’impronta dell’edifico originale, è ben inserito nell’armonia del quartiere del Governo, e dalla cima della cupola, facilmente raggiungibile da una rampa, si ammira una bel panorama. Il vasto prato che si trova di fronte è molto frequentato dai bambini per i loro giochi, mentre gli adulti, vestiti da capo ai piedi, prendono il sole (quel poco che c'è) su poltrone affittate da bagnetti con bar come si vedono sulle nostre spiagge. L'ambiente è simpatico e ci siamo pasati davanti spesso.
.Porta di Brandeburgo
la Porta di Brandeburgo, alta 26 metri e larga 65 è l'unica porta cittadina ancora esistente di Berlino. Essa è il centro delle attrazioni turistiche per passare inutilmente il proprio tempo. Passaggio obbligato per chi si muove a piedi. Di domenica vi abbiamo trovato due buontemponi con bandiera travestiti da soldati americani per la gioia del Kodak moment, Minnie e Topolino, un orso, qualche personaggio di guerre stellari, un ballerino esperto ginnasta e biciclette di forma strana. Da evitare

Alexander Platz e dintorni

martedì 17 luglio 2012

Cattedrale di Berlino (Berliner Dom)
Abbiamo visto l'esterno il 17 luglio mentre aspettavamo di entrare dentro il museo di Pergamo. L'ingresso è a pagamento (5 €). Si trova nel quartiere Mitte e sorge lungo le rive della Sprea. Le sue dimensioni sono mastodontiche: 114 metri di lunghezza, 73 metri di larghezza e 116 di altezza. Abbiamo ammirato la bella facciata, ma non siamo entrati per questine di tempo.
Museo di Pergamon
Facciamo i biglietti alle 9 (10 € a testa) così ci risparmiamo la coda dell'apertura. Il museo comprende tre collezioni distinte. La prima, quella di Pergamo dà il nome al museo. Peccato che le opere non siano rimaste nel bellissimo sito archeologico originario che si trova in Turchia. La seconda collezione riguarda il Vicino Oriente:la Babilonia di Nabuccodonosor, in particolare la porta di Ishtar. Una scala porta al piano superiore dove si trova la collezione dell'arte islamica. Occorrono quasi tre ore per vedere tutto. Bildung durch Wissenshaft.
Alexander Platz
Il nome di questa piazza prende spunto dallo zar Alessandro I che visitò la città di Berlino nel 1805. Erich Honecker, ex Ddr, decise all'inizio degli anni '70 di trasformare la piazza nel simbolo della gloria socialista e distrusse la sua struttura originaria facendo costruire edifici diversi edifici famosi, tra i quali il Fernsehturm, la Torre della Televisione, la seconda struttura più alta in Europa. Al centro della piazza l'Orologio Universale del 1969, una struttura che ruota continuamente mostrando l'ora nelle varie zone della Terra e la grande Fontana dell'Amicizia, sempre del 1969, un tempo ritrovo di giovani punk. Ci sono anche numerosi negozi dove abbiamo fatto un modesto shopping.
Marienkirke
Sempre nei pressi di Alexanderplatz troviamo questa chiesa costruita con caratteristici mattoni rossi. La costruzione della chiesa è iniziata nel 1270, con aggiunte successive come la torre e la cupola barocca che si trova sopra la torre. All'interno è custodito l'affresco la Danza Macabra (Totentanz), alta due metri e lunga 22, risalente al 1485, protetto da una spessa vetrata.
Rotes Rathaus
Il neo rinascimentale Municipio di Berlino è stato costruito in mattoni di terracotta rossa Durante l'epoca comunista l'edificio ha servito l'amministrazione municipale della Berlino Est, conservando il nome di Rotes Rathaus ('Municipio Rosso'), dal colore della facciata. Nel 1991 anche i colleghi della Berlino Ovest si trasferirono qui dal proprio municipio
Nikolaiviertel con la chiesa di Saint Nicolas.
Nikolaiviertel è il quartiere più antico della città di Berlino. Sono da scoprire tutte le sue stradine ed i suoi edifici medievali.La “Nikolaikirche” ( Chiesa di San Nicola ) è una della più antiche chiese di Berlino. Costruita intorno al 1230, la “Nikolaikirche” è in stile tardo gotico, a tre navate con volta a croce; la struttura attuale è frutto di diverse modifiche. Sorge a pochi passi dalla “Alexanderplatz”. Molti definiscono il quartiere “Nikolaiviertel” una città nella città che resiste fin dal 1200, ma buona parte del quartiere è stato ricostruito dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Potsdamer Platz

mercoledì 18 luglio 2012

Il giorno 18 luglio abbiamo raggiunto a piedi attraversando il Tiergarten la Potsdamer Platz Durante gli anni trenta questa era una delle piazze più vivaci in Europa, ricca di caffetterie, cinema, hotel di lusso, graziosi grandi magazzini e un grande raccordo per i trasporti della città. Venne poi completamente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, Oggi, la si ammira per il suo aspetto futuristico. Vi si trovano numerosi grattacieli, tra i quali interessante è il Sony Center.
Sony Center
Il Sony Center è oggi una delle costruzioni più riuscite della nuova Berlino. Esso è un complesso di edifici con le funzioni più diverse: shopping, cinema, teatri. Il Sony Center misura cira 26.000 mq ed ospita diverse attrazioni: oltre grandi ristoranti, cinema, uffici, appartamenti privati, servizi ecc... Per gli eventuali clienti inoltre la Sony ha ovviamente aperto un negozio dove poter far vedere ed utilizzare i suoi prodotti più nuovi: dalle Playstation ai cellulari, dai giochi alle videocamere. Noi ci siamo precipitati sui computer per sfruttare una connessione e leggere notizie che i giornali italiani trasmettono su internet. Ci siamo riusciti solo con un computer ed un tablet. Siamo rimasti colpiti dai televisori ad immagini tridimensionali,
Gemalde Galerie
Il biglietto per la pinacoteca costa 8 € e comrende l'uso dell'audioguida in italiano. Nella pinacoteca si trovano 1.500 quadri tra i quali quelli di Rembrandt (al quale è dedicata una sala), Tiziano, Goya, Botticelli (una Venere), Holbein, Canaletto, Rubens. C'è anche un noto quadro di Caravaggio e moltissimi di autori italiani alcuni dei quali probabilmente trafugati durante la II guerra mondiale.

Potsdam e Spandau

giovedì 19 luglio 2012

POTSDAM
Si arriva a Potsdam dalla stazione centrale prendendo la S 7 dal binario 16. La cittadina è nota, oltre che per il centro storico, per il Parco Sanssouci dove si trovano edifici interessanti, giardini curati ed un orto botanico. Al New Palace abbiamo trovato capannoni, musica e festa. Abbiamo visitato le New Chambers. Il punto forte sono il vecchio castello del Parco e l'antico mulino, interamente rifatto.
SPANDAU
Dopo aver visitato Potsdam facciamo tappa il 19 luglio a Spandau dove ammiriamo il centro storico. La Zitadelle di Spandau è l'unica fortezza rimasta nell’area di Berlino. E’ situata al centro del distretto omonimo sulla confluenza tra i fiumi Spree e Havel.

Il muro di Berlimo

venerdì 20 luglio 2012

Mauerpark Bernauer St. n. 111
Il giorno 20 luglio, dopo aver visitato il 19 Potsdam e Spandau abbiamo raggiunto il Mauerpark e poi il Memorial del muro. "Leben mit der Erinnerung", vivere con il ricordo: quello del muro, quello dei campi di sterminio. E non rimuoverli. L'accesso al Memorial è gratis. La struttura si trova al n. 111 di Bernauer St. vicino alla Stazione Nord. Si consiglia di andare prima al Mauerpark per vedere il muro autentico. Quello per turisti è troppo asettico. I filmati e le foto sono invece agghiaccianti. Basta ricordare le immagini dei Berlinesi che si buttavano sui teloni dei pompieri nel 1961, il giorno dell'inizio della costruzione del muro. E basta ricordare i troppi morti tra i quali Cetin Mert, uccisa il giorno del suo quinto compleanno, nel 1975, quando cercò di attraversare il muro tra Kreuzburg e Friedrtichst, Tanto orrore è difficile da dimenticare.
Charlottenburg
Nel pomeriggio del giorno 20 visitiamo Charlottenburg. Lo “Schloss Charlottenburg” è un’imponente costruzione di Berlino, che testimonia l’importanza e lo sfarzo della dinastia degli Hohenzollern, famiglia tedesca di elettori, re e imperatori di Prussia, Germania e Romania.
Lo splendore dello “Schloss Charlottenburg” si avverte anche all’esterno del palazzo, nell’immenso giardino in stile barocco che lo circonda. Curatissimo e rigido nello stile, inizialmente in stile francese venne successivamente trasformato in giardino di stile inglese. Noi non siamo entrati nei palazzi, ma ci siamo limitati a guardare e fotografare l'esterno, Davanti al Castello c'è aria di festa con padiglioni, offerte alimentari e musica.

Ka. De. We
Il più famoso grande magazzino berlinese è la KaDeWe (Kaufhaus des Westens autentico paradiso dello shopping e chiaro punto di riferimento, facile da identificare sulla Wittenberg Platz. Con i suoi 60 mila mq (l’equivalente di 9 campi di calcio), 380 mila articoli e 40 mila visitatori al giorno, è il grande magazzino più esteso e leggendario d’Europa, specialmente per le offerte gastronomiche dell'ultimo piano.

Il campo di sterminio nazista

sabato 21 luglio 2012

Il 21 luglio siamo andati a Sachsenhausen, il campo di sterminio nazista a 35 chilometri da Berlino, dove prigionieri di varia provenienza etnica e politica furono ammucchiati raddoppiando il numero delle baracche fino a più di sessanta in uno spazio diventato esiguo a forma di triangolo e aumentando il numero dei prigionieri di una baracca da 146 a 300. Il campo si trova a meno di due chilometri dalla stazione della S Bahn di Oranienburg ed è facilmente raggiungibile a piedi seguendo le indicazioni dei cartelli. Vale la pena conservare il ricordo anche se l'audioguida affittata per tre euro contiene la tesi non nuova che "anche se" i nazisti tedeschi furono cattivi, anche i Sovietici non lo furono meno. Il Vangelo recita che prima di togliere la pagliuzza dall'occhio del vicino va tolta la trave dal proprio occhio. Altrimenti il ricordo delle povere vittime diventa indefinito e si perde nel tempo. Nel campo di sterminio furono fucilati 10000 Russi nel 1941 e 350 Ebrei nel 1942, furono perpetrate tutte le atrocità che menti umane malate potessero concepire, furono studiati tutti i mezzi scientifici per uccidere i propri simili dalla fucilazione alla nuca fino ai camion a gas letale. Efferatezza crudele che viene ampiamente documentata e che lascia sgomenti.
Oranienburg è comunque una bella cittadina tedesca dove oggi è possibile fare colazione al "Petit Café" subito dopo la stazione, sulla destra e pranzare al Café "rendez-vous" con Schintzel, Kartoffeln e gemischte Eis con 22 Euro in due. L'indirizzo è Bernauer St. 92. Dal momento che i locali e i servizi della cittadina non sono molti ci sembra utile indicarli.
Gedenkstätte und Museum Sachsenhausen
Straße der Nationen 22
D-16515 Oranienburg
Tel. 0049-(0)3301-200-0 GRATIS 0049-(0)3301-200-0
email : info@gedenkstaette-sachsenhausen.de
Sito Internet : http://www.stiftung-bg.de/gums/de/index.htm

Ultimi luoghi visitati

domenica 22 luglio 2012

Holocaust Denkmal
Dopo aver visitato il Campo di sterminio nazista il giorno 21, il 22 luglio andiamo per coerenza a vedere il memorial vicino alla porta di Brandeburgo. L'Holocaust Denkmal si trova vicino alla Porta di Brandeburgo. Il sito è stato concepito da Peter Eisenmann ed è formato da 2111 dteli di diversa dimensione poste su file con percorsi su pavimentazione ondulata. Vi sono più centri di informazione che aprono alle 10.00 e ci sono già turisti in fila. E' un memorial e come tale resta nella mente del visitatore.
Gendarmer Markt
Sulla piazza si affacciano le due chiese dei calvinisti francesi e tedeschi oltre la Konzerthaus in stile neoclassico. Abbiamo salito i 250 gradini della Franzosischer Dom e siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal suono delle campane e dalla vista che si gode di Berlino dall'alto. Le due chiese sono sormontate da due cupole gemelle e l'insieme è incantevole.
Charlie point
Tutto molto folcloristico meno la mostra storica. La mostra è stata aperta nella primavera 2006. Da allora i visitatori che passano lungo Friedrich-, Zimmer e Schützenstrasse possono informarsi gratuitamente su tre diversi temi: i numerosi tentativi di fuga al passaggio di frontiera, sia falliti che riusciti; il significato di luogo simbolico di duro confronto internazionale che aveva il posto di controllo alleato Checkpoint Charlie; i più importanti luoghi di ricordo e della memoria, dei resti del Muro autentici, dei musei e dei centri di documentazione sul tema della Divisione Tedesca e del Muro di Berlino.

Hamburger Bahnhof
E' il museo pefetto se si vuole vedere l'arte moderna. E' il più grande museo della città specializzato in quest'arte. Andy Warhol, Kandinsky, Picasso, Klee
Zionskirke
Chiesa raggiunta nel pomeriggio del 22 e della quale possiamo ammirare dall'esterno sia l'imponenza, sia le belle vetrate.
Tornati in albergo ci prepariamo spiritualmente per la partenza con l'aereo del giorno dopo.

Partenza

lunedì 23 luglio 2012

Raggiungiamo l'aeroporto cambiando il metro a Ostkreuz e prendendo la linea S 9 sull'11 binario per Scoenefeld. Partenza 12.15 ed arrivo aeroporto Pisa 14.15 con Easyjet 81 € a testa. Viaggio tranquillo senza problemi di sorta.