Baviera: un salto nel Medio Evo

regione: monaco e romantische strasse
stato: germania (de)

Data inizio viaggio: domenica 13 agosto 2006
Data fine viaggio: sabato 19 agosto 2006

Abbiamo passato una settimana in Baviera: due notti a Monaco e poi abbiamo percorso la Romantische Strasse, toccando una serie di bellissimi e medievali paeselli.
A Monaco ci siamo arrivati dopo quasi otto ore di viaggio, per via del parecchio traffico trovato sul Brennero.Abbiamo soggiornato all’hotel Nymphenburg, proprio dopo aver letto su questo sito il racconto di alcuni ragazzi che c’erano stati..e ci siamo trovati bene.
Monaco è una città molto carina, nella piazza principale c’è il Rathaus, ai piedi del quale abbiamo trovato una specie di festa, dove si bevevo birra e ascoltava la musica provenire dal palco.
Per il nostro viaggio in baviera mi è stato molto utile il sito tuttobaviera.com, nel quale ho anche trovato una descrizione di Monaco e, tra la tante cose,mi aveva incuriosito la presenza dei leoni, statue messe a posta per celebrare i mondiali di calcio e che non sono state tolte…ce ne sono moltissimi che adornano la città e a me sono piaciuti molto!!
Non vi sto a raccontare tutti i monumenti di Monaco visti, ma non posso sottolineare la sensazione che entrambi abbiamo avuto di una bella città a misura d’uomo: ci sono piste ciclabili ovunque, il traffico non è così tremendo come il nostro, la gente è tranquilla, i mezzi di trasporto efficienti. Per entrare nel metrò non ci sono tornelli ma una specie di obliteratrice, ma tutti timbrano il biglietto…come già avevamo visto a Vienna; i quotidiani si comprano prelevandoli direttamente da delle scatole trasparenti che si trovano in strada, e ognuno paga e ne prende una sola copia…io credo che in Italia purtroppo questo non sarebbe possibile…e questi aspetti la dicono lunga sul grado di educazione civica di un popolo!
Lasciata Monaco dopo due giorni, abbiamo raggiunto Rothenburg e da lì siamo scesi lunga la Romatische Strasse, fino a Fussen, dove questa strada ha il suo termine.
Questi i paesini che abbiamo toccato:
Rothenburg: è sicuramente il paesino più bello, molto molto caratteristico, tanto da sembrare a tratti finto; è circondato da mura percorribili e al centro ha una bella piazza con Rathaus (ovviamente)..le casette sembrano essere tali a quali a com'erano 600 anni fa e l'effetto è davvero suggestivo. Abbiamo visitato anche noi il famoso negozio dedicato al Natale e aperto tutto l'anno: davvero spettacolare, sembra di essere davvero nel paese dei balocchi! Per cambiare del tutto genere, abbiamo visitato anche il Kriminal Museum, museo delle torture che però in realtà viene descritto coem il museo che raccoglie testimonianze della storia del diritto e in parte è anche vero.
Dinkelsbuhl: arriviamo a Dinkelsbuhl mentre sta piovendo, quindi compriamo la mappa della città all'ufficio del turismo e seguiamo il solito percorsino (anche a Rothenburg abbiamo fatto la stessa cosa) che ti porta lungo le mura, ti fa entrare e uscire dalla porte della città e ammirare la case bavaresi. Facciamo tappa al museo della terza dimensione: il bilgietto non costa poco (8euro) e all'internop troviamo tutta una serie di illusioni ottiche, poster tridimensionali, giochi di luce e immagine....e ne usciamo dopo un'oretta con la testa che gira, forse anche per la fame, così ci compriamo l'ennesimo brezel.
Nordlingen: qui passiamo una notte in un albergo dentro le mura, molto bello e moderno, ricavato da un ex-convento. Nordlingen è sorta all'interno di un cratere creato da un meteorite milioni di anni fa e ha mantenuto la forma quasi perfettamente roronda della sua pianta...ovviamente circondata da mura e i cui tetti rossi, che sembrano tutti uguali, si possono ammirare dall'altro della torre della cattedrale. La sera ceniamo nel ristorante dell'albergo, ma usciamo a far una passeggiata e, anche se il paesello risulta un pò moscio, ascoltiamo, allo scoccare dell 22 precise, il guardiano delle torre che urla qualcosa di incomprensibile proprio dalla torre stessa: è un'antico rito giunto sino a noi dal medioevo, quando compito del guardiano era rassicurare i compaesani che tutto andava bene e non c'erano pericoli per la città!
Castello di Harburg: un bel esempio di castello perfettamente conservatosi e che si erge su una collina. In relatà si può visitare solo con tour guidati ma solo in lingua tedesca....quindi decidiamo solo di visitare il cortile e scattare qualche foto.
Donauworth: di questa cittadina, che sorge sulla confluenza del fiume Wornitz con il Danubio, l'unica cosa che vale la pena di vedere è la strada principale, con bellissime case colorate, in stile bavarese....dicono sia una delle strade più belle della Germania.
Augsburg: ad Augsburg (Augusta) rimaniamo a dormire una notte: la città è piuttosto grande rispetto ai piccoli centri visti fin'ora e forse per questo è meno caratteristica; ma trovandosi sulla Romantische strasse, abbiamo deciso di fermarci comunque. Qui visitiamo la chiesa protestante di S.Anna, il duomo, la Fuggerei, primo esempio al mondo di quartiere "popolare" fatto costruire nel 1600 e ancora abitato: al suo interno si può trovare un museo e la casa dove visse il nonno di Mozart.
Landsberg: in questo piccolo centro sono da tenere in considerazione la piazza e l'immancabile Rathaus in stile barocco, nonchè le due torri principali della città
Schongau: arriviamo nel momento in cui si svolge la medievale festa "dei veneziani", per cui al centro del paese ci sono bancarelle e personaggi in costume che vendono di tutto: rimaniamo a pranzare lì, nel centro della piazza, dove una bancarella cucina e vende wurstel annaffiati di salsa e con contorno di patatine fritte!!
Wieskirche: è una bella chiesa immersa nel verde dei prati e vicino alla quale pascolano le mucche, ma è famosa per il Cristo flaeggato che si trova al suo interno e per il quale ogni anno è meta di moltissimi pellegrini
Castello di Neuschwanstein: è spettacolare visto dalla passerella di ferro Marienbruke, alla quale si accede seguendo le indicazioni del sentiero intorno al castello.Il castello al suo interno è moto eccentrico, a testimonianza del gusto di Ludwing II, ma la sala del trono, la finta grotta e il salone con le 600 candele meritano la visita: è sicuramente uno dei castelli più belli al mondo.
Castello di Hohenschwangau: noi lo abbiamo visto solo da fuori, senza entrarci e abbiamo scattato alcune foto, anche se il castello era in parte coperto da impalcature.
Fussen: è un bel paese di montagan, dove si respira l'aria dei classici posti dove praticare sposrt invernali; le vie principali sono carine, la piazza e la case sono sempre particolari nel loro genere e meritano una visita.
Innsbruck: la cittadin austriaca è molto bella, ma ci siamo limitati a visitare il centro città in un paio d'ore, sulla via di ritorno verso casa.


Condividi questo articolo se ti è piaciuto...