grecia by www.born2travel.it

località: zacinto, atene, patrasso, pythion
stato: grecia (gr)

Data inizio viaggio: martedì 1 agosto 2000
Data fine viaggio: mercoledì 30 agosto 2000

se vuoi saperne di più o vedere tutte le foto visita: www.born2travel.it

27. 07. 2000 Zacinto (Grecia)
Zante per i greci, Zacinto per noi italiani, luogo di nascita di Ugo Foscolo e noi girovaghiamo in lungo e largo in questo traghetto a conoscere i vari abitanti. Ci siamo imbattuti in un gruppetto di ragazze salernitane.
[Ilaria Lepore da Buccino, Italia]: Che fate di bello? Noi ci fermiamo in Grecia, voi: chissà!
Dopo un giro per le strade di Patrasso ci rimettiamo in viaggio, stavolta per la capitale: Atene.
Il paesaggio che abbiamo ammirato lungo la strada era molto scarno: ogni tanto si vedeva qualche raffineria di petrolio, non esistono le barriere che dividono la strada dai binari, le stazioni sono microscopiche e si trovano in mezzo alle case....
Ora ci siamo accampati nella stazione di Atene in compagnia di Paavo, un simpatico sedicenne finlandese anche lui in giro per l'Europa come noi. In questo momento sono seduto su una panca con tre turchi di Istanbul a chiacchierare, il Roscio, Takx e Paavo sdraiati a riposare sui loro materassini.
[Luca]: Qualche mese fa io e mio fratello cercammo di dormire nella stazione ferroviaria di Roma: niente da fare. Avemmo troppa paura. Ora eccomi qui a dormire nella stazione d'Atene. Che bella la vita, la sto riscoprendo partendo dal basso. Viaggiare in questo modo è scomodo per il corpo ma lieve per l'anima che respira a bocca piena e si riempie ogni secondo... Spesso, nel treno, penso al futuro... Che casino! Su questa panchina mi viene solo da pensare a che matto sono e come riesco a fare cose così strane ma belle. Takx dorme tranquillo, Marco mi dice di stare tranquillo ma io osservo uno zotico che, sporco, scalzo,con la barba incolta si aggira con un coltello in mano...
I treni ci portano lontano e ci scaricano ogni volta... Siamo solo di passaggio, però ora posso dire di non appartenere a nessun posto... Solo al mondo... Come si fa a dire con sicurezza di vivere nel posto giusto? Il posto migliore te lo crei in testa, io viaggio perchè voglio essere sicuro che non esiste il posto che ho in testa io così da accontentarmi di quello che otterrò.
Chiacchieravo con un ragazzo turco. Spesso mi domando come mai la Turchia mi affascina così tanto. Gli stereotipi mi hanno rotto. Dopodomani al massimo, vedrò con i miei occhi. I turchi non sono neri, non vestono come i nord africani e hanno occhi bellissimi. La Turchia sarà una sorpresa, me lo sento!
[Tamer Erkan da Istanbul, Turchia]: La gente va e viene nella tua vita e tu non sei più lo stesso. Dopo un lungo viaggio dall'Italia eccoci ad Atene. Stiamo trascorrendo la notte in stazione aspettando il prossimo treno che ci condurrà ad Istanbul. Qualunque cosa accade noi siamo sempre felici.
[Paavo Ojala da Helsinki, Finlandia]: Mentre ero seduto nel treno per Atene da Patrasso e il mio sedere sudava su questi sedili di falsa pelle genuina di animale ho conosciuto questi tre italiani. E' bello incontrare amici in questo grande, pericoloso e strano mondo. In Grecia, dove nessuno parla finlandese, abbiamo trascorso la notte in tranquillità e fratellanza, tranne Mark che è stato tutto il tempo in giro a chiacchierare. Ne vorrei approfittare per ringraziarvi tutti per la solidarietà dimostrata: ad un completo estraneo.

28. 07. 2000 Atene (Grecia)
Più andiamo avanti e più riceviamo cattive notizie sul nostro futuro, tipo: tanti visti da pagare, cambi molto svantaggiosi ecc.
Atene mi ha ricordato tanto Napoli. Confusione dappertutto, sporcizia nelle strade, traffico disordinato e addirittura la piazza principale: "Olimpia Square" somigliava tanto a Piazza Garibaldi.
Decidiamo di ripartire. Arriva il treno che ci porterà fino al confine con la Turchia e per una serie di incomprensioni perdiamo i tre amici turchi per strada! Sarà un lungo e difficile viaggio soprattutto per la gente molto poco raccomandabile che incontreremo, i tanti zingari senza scrupoli ma dovremo abituarci. Non so se siamo troppo avventurosi, troppo ingenui o troppo stupidi. Tra un mesetto lo sapremo!

[ continua su: www.born2travel.it ]

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...