Liguria

località: genova, sarzana, bocca di magra, lerici, la spezia, portovenere, manarola, riomaggiore, vernazza, moneglia, santa margherita ligure, chiavari, rapallo, portofino, ventimiglia, sanremo
regione: liguria
stato: italia (it)

Data inizio viaggio: martedì 1 gennaio 2008
Data fine viaggio: martedì 1 gennaio 2008

Sono stato molte volte in questa regione sia di passaggio verso altre mete che in visita di piacere o di lavoro, del resto poco più di 15 km separano il mio paese dalla Liguria.
Subito dopo il confine territoriale si è nella località balneare di Marinella dalla quale in poco tempo si è a Luni dove si trovano gli scavi dell'antica città romana il cui monumento più importante è l'anfiteatro. Nei pressi dell'area archeologica c'è un museo mentre nei dintorni mi è capitato di visitare in gita scolastica quando ero bambino il centro degli elicotteristi della Marina Militare. Nell'interno Castelnuovo Magra è un paese posto su un colle con i resti di una fortezza. Molto più grande il vicino castello di Sarzanello sul colle che domina sarzana, città che ha dato i natali a un Papa e probabilmente anche ai progenitori di Napoleone, che conserva un discreto centro storico con un bel corso, qualche palazzo interessante e un paio di belle Chiese. Se anzichè fare la strada dell'interno si segue quella del mare si passa per bocca di magra, come dice il nome la foce del fiume Magra, ormeggio per piccole imbarcazioni da diporto. Costeggiando la foce si sale al Monte Marcello in una strada tra pinete dove si aprono incantevoli panorami. Il caratteristico paese di pescatori di Fiascherino precede la più famosa lerici dominata da un castello. Da qui inizia il golfo di la spezia, città portuale sede dell'Arsenale della Marina Militare che ho visitato insieme al Museo che conserva tra le altre cose numerose polene. Sono stato anche tra le banchine del porto a curiosare tra le grandi navi della Marina, una volta sono salito sulla "Scirocco", un'altra vi ho visto il veliero "Amerigo Vespucci" in revisione. la spezia conserva anche una fortezza posta su un colle. All'altra estremità del golfo c'è portovenere, un vero gioiello sia per le architetture create dall'uomo che per la splendida posizione. La cosa più bella è arrivarci via mare con i piccoli traghetti che dalla Versilia vanno alle Cinque Terre, lo spettacolo che si apre ai nostri occhi tra l'isola di Palmaria e il promontorio di portovenere è sublime. Bello è però anche passeggiare nei vicoli stretti e irti, andare sull'alto del colle dove ci sono la Chiesa e la Fortezza e visitare la splendida chiesina ligure che si affaccia sul mare proprio all'estremità del promontorio tra l'isola di Palmaria da un lato e la Baia di Byron dall'altro. Le tre isole di Palmaria, Tino e Tinetto sono così vicine che sembra di sfiorarle. Proseguendo lungo la costa iniziano le belle Cinque Terre, paesi di pescatori aggrappati alle colline che sembrano prolungarsi nel mare o è forse il mare che penetra nei paesi. Le case hanno colori forti quasi a voler farsi ben notare dalle navi a largo. riomaggiore, manarola, vernazza e Monterosso sono tutti da scoprire, ogni angolo è una piacevole sorpresa tra vicoli, negozietti caratteristici, chiese policrome. Tra riomaggiore e manarola c'è un sentiero scavato nella roccia detto "dell'Amore", una volta era probabilmente l'unica via di collegamento tra i due paesi, poi sono arrivati prima la ferrovia poi la strada che corre in alto sulle colline. Ma alle Cinque Terre è bello giungerci dal mare una volta unica via di accesso. vernazza è splendida con la sua rocca posta in alto su uno sperone roccioso e una Chiesa palafitticola che si protende in parte nel mare. A Monterosso c'è pure un pò di spiaggia ma per raggiungerla si deve attraversare una galleria che buca la montagna, mentre si prende il sole si può osservare la statua del gigante scolpito nella roccia che delimita l'area balneare. Lasciate le Cinque Terre proseguendo lungo costa si passa per moneglia, un altro borgo le cui case lambiscono il mare, come pure la ferrovia che passa proprio a due passi dalla spiaggia. Andando verso genova si incontrano cittadine sul mare come chiavari e rapallo prima di giungere alla graziosa santa margherita ligure, preludio per quel gioiello che è il promontorio di portofino con il suo porticcioolo naturale su cui ormeggiano costosissime barche a vela e yacht di miliardari. Il porticciolo è contornato da case liguri dai colori forti, caffè e negozi di alta moda. Il centro della regione ospita genova, città aristocratica nel centro storico quanto popolare nei vicoli intorno al porto vecchio. I Corsi contornati da storici palazzi nascondono stretti carugi. genova è ricca di storia, come porto sabaudo è stato luogo di partenza della spedizione dei mille di Garibaldi, come Repubblica Marinara ha dominato mezzo mediterraneo, ha dato i natali a Mazzini, Mameli e Cristoforo Colombo. La storia della scoperta delle Americhe e quella dell'Unità d'Italia hanno visto il capoluogo ligure protagonista. A genova ho visto il Palazzo Reale, quello Ducale, la Cattedrale di San Giorgio ma scendere al porto antico è la cosa più bella chi si può fare in città. I portici sono ancora come nei secoli scorsi luogo cosmopolita di ritrovo,mercato del pesce e di cianfrusaglie. Dalle celebrazioni Colombiane il porto si è dotato di nuove strutture che però non alterano più di tanto l'aspetto originario. Se da un lato del lungoporto c'è il vecchio Palazzo del Banco di San Giorgio dall'altro si susseguono l'ingresso per l'Acquario più grande d'Europa, l'ascensore panoramico, la sfera di vetro, il Galata Museo del Mare, il veliero costruito per il film di Polansky "Pirati". Visitare l'Acquario è un tuffo virtuale negli oceani di tutto il Mondo tra pesci enormi, pinguini, mante da accarezzare. I pesci girano intorno a noi separati da pareti di vetro. Davanti all'Acquario c'è la biosfera di vetro dove si può fare un breve giro in una foresta tropicale con tanto di banano e uccellini colorati. Da non perdere anche il Galata Museo del Mare per immergerci nel mondo della marineria e degli scali portuali, qui si può provare a governare una nave, attraversare Capo Horn a bordo di una barchetta o partecipare a una crociera di inizio '900, il tutto ovviamente virtuale. Non molto lontano da qui ho visitato il Palazzo del Principe Doria con il relativo giardino. Dal porto antico la vista può spaziare sulla Lanterna simbolo della città o voltando le spalle al mare sulle colline che la racchiudono dove si trovano alcune ville costruite con architetture da castello medioevale.
A est di genova ho solo visitato un paio di volte sanremo, ho pernottato qualche giorno a ventimiglia, ho sostato brevemente a Porto Maurizio. A sanremo venni per l'omonimo Festival, era il giorno prima che cominciasse, fervevano i preparativi e la città era invasa da fans di questo o quel cantante.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...