con il camper a capo nord (2)

stato: norvegia (no)

Data inizio viaggio: giovedì 25 maggio 2006
Data fine viaggio: sabato 3 giugno 2006

In questo centro si svolgono concerti, convegni, ecc; ci sono negozi, ristoranti, pub, impianti
scenici, fontane, e… 2 maxischermi (8 x 16 metri). Ora sta piovendo ma proseguiamo la nostra visita
andando in Alexanderplatz per vedere la Torre della televisione (altissima, 365 metri, la seconda più alta
del mondo dopo quella di Mosca) e dopo la Cattedrale che ci è parsa veramente bella; dalla sua cupola
abbiamo potuto vedere sotto di noi tutta la città. Ora ci dedichiamo, nella zona pedonale, a vedere i
grandi e lussuosi negozi, dove facciamo un acquisto: una cioccolata a forma di Porta di Brandeburgo
4
che, oltre ad essere una opera d’arte di cioccolata, è veramente squisita. In Frederichstrasse andiamo
nella galleria Lafayette dove c’è di tutto e di più finanche una scultura di vecchi paraurti d’auto.
E’ buio, siamo stanchi, decidiamo di ritornare al nostro camper dove consumiamo la cena, ci riposiamo
e poi diamo un’ultima sbirciatina alla città di Berlino.
MERCOLEDI 31 MAGGIO
Berlino – Sassnitz – Traghetto – Trelleborg (Svezia) Km 380
Oggi è una giornata di trasferimento per Sassnitz dove prenderemo il traghetto che in 4 ore ci
porterà a Trelleborg in Svezia. La notte ha fatto freddo ma abbiamo riposato bene, dopo colazione
partiamo e ritroviamo il solito panorama, distese immense di campi gialli e verdi e tante, tantissime pale
eoliche utili e necessarie per sfruttare l’energia del vento. Lungo la strada ci fermiamo per acquistare il
biglietto per il traghetto e questo fatto ci consentirà di avere la precedenza sugli altri viaggiatori che
troveremo al porto. Arriviamo di primo pomeriggio e in attesa del traghetto andiamo a vedere un duty
free dove sono esposte montagne di birra, vino, alcolici e cioccolate a prezzi molto convenienti e da
questo momento e per tutta la Scandinavia questi prodotti saranno carissimi.
Arriva la nave alle 17,30 è enorme ed è a 3 piani, incomincia ad ingoiare 3 treni, 30 autotreni e
nei piani superiori tutte gli altri automezzi. La traversata è sotto il sole e lo godiamo seduti sulle
poltrone esterne della nave. Arriviamo alle 22 a Trelleborg, la città è illuminata, andiamo alla ricerca di
un posteggio dove poter riposare per la notte e lo troviamo quasi subito, presso un distributore di
benzina.
GIOVEDI 1 GIUGNO
Trelleborg – Lund _- Kalmar - Isola di Oland Km 470
Tutta la notte ha piovuto ma non ci ha disturbato, oggi incominciamo la nostra visita della
Svezia. Ci fermiamo a Lund in un posteggio dove si deve pagare solo con la carta di credito ma non
accetta la nostra decidiamo lo stesso di visitare il paese e ci incamminiamo verso il centro. Vediamo
case antiche con balconi pieni di fiori e tanti lillà, strade strette e acciottolate e, ad ogni angolo di strada
posteggi per biciclette.
La Cattedrale, che visitiamo, risale al 1080 segno che questo paese è stato molto importante nel
medioevo. Dopo pranzo riprendiamo il nostro viaggio per Kalmar per visitare il Castello ma lo
troviamo chiuso, ci accontentiamo, per il momento, di vedere i giardini esterni pieni di fiori di tutti i tipi
ed anche un piccolo cimitero riservandoci la visita del Castello per l’indomani.
Ci dirigiamo verso l’Isola di Oland dove gli svedesi trascorrono le vacanze estive. Infatti, l’isola,
lunga 90 chilometri ha un clima quasi mediterraneo, è attrezzata per ospitare tantissimi vacanzieri ed è
collegata alla terraferma con il ponte più lungo d’Europa. L’isola è stretta e lunga e sulla strada ci sono
non meno di 300 mulini a vento circondati da recinti pieni di fiori coloratissimi. Il mar baltico è calmo,
il cielo sereno con il sole che risplende alto tanto che, alle 23, con un tramonto meraviglioso scattiamo
alcune foto ricordo e decidiamo di dormire qui in riva al mare.
VENERDI 2 GIUGNO 2006
Isola Oland – Kalmar – Wimmerby - Linkoping Km 275
Alle 7 siamo già in piedi con un bel sole caldo, il mare calmo ci invita a fare una passeggiata in
riva al mar Baltico dopodiché partiamo per ritornare a Kalmar e visitare il Castello più vecchio della Scandinavia fatto costruire da Enrico XIV. Visitiamo l’interno, le sue stanze arredate, i bei saloni
affrescati, il cortile ed infine le segrete sotterranee con le prigioni.
Qui sono state carcerate le donne che hanno combattuto per l’indipendenza contro la Russia e
qui hanno subito le torture più crudeli come ricordano le foto esposte che ci hanno veramente
impressionato.
Proseguiamo verso Wimmerby – il paese di Pippi Calzelunghe-; tutto ricorda la storia della
bambina svedese con i calzettoni lunghi e i capelli rossi con le trecce e le lentiggini sul viso. Qui è stato
aperto un villaggio tutto dedicato alle sue storie, è un parco di divertimenti per bambini dove oltre
giocare, possono svolgere attività didattiche, ludiche e sportive. L’ingresso ci sembra caro ed il posto
non adatto per due nonni senza nipoti al seguito, decidiamo di scattare alcune foto ricordo e poi
ripartiamo per arrivare a Linkoping dove cerchiamo un campeggio.
Ed ecco le prime difficoltà, il campeggio è aperto ma non c’è nessuno alla reception poiché il
personale è presente solo la mattina dalle 8 alle 12 e dopo tale orario sono chiuse le sbarre di accesso il
cui funzionamento è solo elettronico.
Alla porta troviamo un numero di telefono che possiamo digitare con il citofono; all’altro capo
dell’apparecchio ci risponde una signora che, in perfetto svedese, ci spiega come fare ad entrare… di
tutta la conversazione, poi fatta in inglese, si capisce che possiamo entrare digitando un numero in un
qualche posto, ma non capiamo dove, nonostante che la signora lo ripeta due/tre volte.
Non sappiamo come fare per entrare, siamo scoraggiati ed è tardi, vorremmo fare una bella
doccia e riposare. Fortunatamente arrivano due motociclisti che fanno come noi però subito dopo aver
parlato con la signora si dirigono verso le sbarre e di lato, nascosto alla vista, trovano un pannello dove
digitano un numero.
Subito le sbarre si alzano...ecco cosa dovevamo fare; invece di dire “ apriti sesamo” (o
qualcos’altro) dovevamo trovare il pannello e digitare il numero che la signora ci ha ripetuto e vale a
dire 4545.
L’ abbiamo fatto e…. finalmente siamo entrati. Bello, grande, pulito e silenzioso il campeggio,
immerso in un immenso parco. Tutto però è bloccato: i bagni, le docce, le cucine, la spazzatura ecc e
tutto si apre digitando nel pannello posto a lato di ciascun servizio il famoso numero: 4545.
SABATO 3 GIUGNO 2006
Linkoping – Stoccolma Km 230
La giornata si presenta splendida, il sole ci accompagna per tutto il viaggio, alle 11 siamo già
dentro il campeggio di Stoccolma nelle cui vicinanze c’è il metrò che andiamo subito a prendere per una
visita del centro. E’ facile vedere Stoccolma con i mezzi pubblici perché sono molti e tutti ben
organizzati. Arrivati in centro siamo coinvolti in una gara agonistica: la maratona di Stoccolma.
In una incantevole piazzetta, lungo mare, facciamo la pausa pranzo in un bistro all’aperto dove
preparano cibi tipici Suomi (lapponi). Vogliamo approfittare dell’occasione e decidiamo di assaporare
un piatto tipico e mangiamo, per la prima volta, renna stufata con patate il tutto condito con salsine
piccanti e …marmellata. La troviamo gustosa e buona tanto da rimanere soddisfatti della scelta fatta.
Prima di prendere il battello per vedere Stoccolma dal mare ci intrufoliamo in un grande parco dove
c'è una festa tipo october fest con fiumi di birra. Alle 16 prendiamo il battello, il cielo è sereno e ci
accompagna per tutto il tragitto; con le cuffie ascoltiamo in italiano le spiegazioni sui palazzi e sui vari
monumenti che vediamo.
L’escursione dura due ore, sbarcati facciamo in tempo per andare a vedere al porto d’imbarco

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...