Norvegia Olimpica

località: lillehammer, tretten, hunderfossen, trontheim, bodo, stokmarknes, svoalver, oslo
stato: norvegia (no)

Data inizio viaggio: sabato 1 gennaio 2005
Data fine viaggio: sabato 1 gennaio 2005

Giunto in Norvegia con il treno dalla Svezia e sceso a Lillihammer in occasione dei Giochi Olimpici Invernali del 1994. La cittadina era un brulicare di gente proveniente da tutto il Mondo, un'esperienza fatta del resto anche in occasione dei Giochi di due anni prima ad Albertville in Francia. In questo itinerario non voglio però parlarvi di sport e delle numerose gare viste ma delle località toccate. I Giochi sono stati infatti anche il pretesto di vedere stazioni turistiche come tretten dove ho soggiornato in una Pensione, hunderfossen dove era ubicata la pista per il bob e ovviamente lillehammer vestita a festa con parate multicolori, spettacoli in piazza ecc. Inoltre ne ho approfittato per fare un viaggio verso il Nord avvolto in pieno Inverno dall'abbondante neve. Così in parte in treno e in parte in bus sono tornato a trontheim e bodo (dove ero già stato) ed ho visto per la prima volta gli arcipelaghi di Lofoten e Vesteralen.
La Cattedrale di trontheim, raggiunta in treno, mi ha accolto con un abbondante nevicata offrendomi tutto il fascino della sua gotica struttura. Poi ho proseguito in bus per Bognes da dove un traghetto permette di raggiungere direttamente le Vesteralen evitando numerosi chilometri e la Città di Narvik. Dopo l'attraversamento del ponte che collega l'isola di Hinnoya con Sortland sull'isola di Langoya ho dormito in un affittacamere di stokmarknes. Al mattino presto ho preso la piccola imbarcazione che fa scalo in tutti i porti delle Vesteralen e delle Lofoten, piccoli villaggi il più grande dei quali è Svolvaer, tutti con case di legno variopinte e strutture per essiccare il pesce. Le isole emergono dal mare con maestose montagne completamente spoglie di vegetazione e coperte di neve. La piccola crociera si ferma a bodo, baciata da un pallido sole e morsa dal freddo. Con un bus locale andiamo nei dintorni a vedere nei pressi di un ponte un vortice naturale chiamato maelstroemen. Tra la moderna Città e il vortice nei dintorni l'unica cosa interessante è una grossa luna che fa bella mostra di se quasi ad altezza d'uomo. Torno a lillehammer via trontheim. Alla fine dei Giochi sosta ad oslo (già visitata in un precedente viaggio) per rivedere, questa volta sotto la neve, Karl Johans gate fino ai giardini e al Palazzo Reale, il Municipio e il lungoporto.
Assolutamente da non perdere: trontheim. Arcipelaghi Lofoten e Vesteralen. Per ulteriori informazioni su questo paese vedi Tour della Norvegia.

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...