Israele by www.born2travel.it

località: gerusalemme
stato: israele (il)

Data inizio viaggio: giovedì 1 novembre 2007
Data fine viaggio: sabato 22 dicembre 2007

se vuoi saperne di più o vedere tutte le foto visita: www.born2travel.it

08. 12. 2007 Gerusalemme (Israele)
Quest'escursione in principio ci ha preoccupati un pò per le tante difficoltà che avremmo incontrato lungo il nostro tragitto: tra visti, burocrazia, controlli, dogane ecc.
Ma proprio queste preoccupazioni sono quelle che alla fine rendono un viaggio più entusiasmante. Sono le spezie e gli ingredienti giusti che fanno poi la differenza.
Il nostro caro amico Ahmad viene a prenderci puntuale con l'autista nel nostro hotel come da accordo. Si parte.
Dopo un'oretta circa arriviamo alla frontiera giordana. Paghiamo la tassa di uscita ed eccoci poco dopo stipati in un bus sgangherato mentre attraversiamo una lingua di terra desolata lunga tre chilometri, la cosiddetta "terra di nessuno" fino a giungere ad una barriera con tante guardie, fili spinati, telecamere, agenti in borghese ma armati con fucili mitragliatori ultra tecnologici. Non dimentichiamo che Israele possiede l'esercito più potente al mondo, anche più equipaggiato di quello americano!
Ci controllano e ricontrollano, body checks vari, poi ognuno di noi viene sottoposto ad un vero e proprio interrogatorio. "Perchè sei venuto in Israele? Dove andrai? Conosci qualcuno qui? Quanto tempo starai qui? Con chi sei venuto? Da quanto tempo conosci ogni singola persona che è qui con te? Dove vi siete conosciuti? E via così...
Naturalmente chi si reca in questa nazione via aerea eviterà tutte formalità che abbiamo dovuto sopportare noi!
Così tante domande a raffica che alla fine, un pò disorientato, dimentico di sottolineare che non volevo il timbro israeliano sul passaporto (alcune nazioni non ti permettono l'accesso nel loro territorio se possiedi il visto o il timbro doganale di Israele, quindi puoi chiedere di fartelo apporre in un foglio a parte)! Tutti ce lo dimentichiamo... Bene, dovremo rifare il passaporto una volta in Italia!
Dopo tante formalità viene a prenderci il nostro nuovo autista. Il nostro "tour" prevedeva due auto, due autisti e due guide. Rispettivamente uno giordano e l'altro israeliano visto che ad entrambi è vietato oltrepassare la frontiera altrui.
Comincia l'emozionante ingresso in Israele. La nostra guida, il simpatico e preparatissimo Samer ci spiega minuziosamente tutti i luoghi che stiamo attraversando e quelli che visiteremo. Attraversiamo il Deserto di Giuda e la nostra prima tappa è il Monte degli Ulivi.
Mentre Samer ci raccontava tutte le storie di quei posti leggendari e ci faceva appassionare con la sua enfasi, io pensavo tra me e me: "Altro che Lonely Planet, qui ci vorrebbe la Bibbia!"
Visitiamo il luogo dove avvenne l'Assunzione, il Cenacolo (dove fu consumata la celeberrima "Ultima cena"), il Golgota (dove fu crocefisso Gesù), il Santo Sepolcro (dove fu seppellito) e tanti altri che ogni volta mi facevano venire la pelle d'oca nel vero senso della parola... A me che non son tanto religioso...
Che sensazione forte pensare che proprio in quei luoghi, dove in quel momento passeggiavamo noi, 2000 anni fa son successe cose così grandi che avrebbero cambiato il mondo!
Mi è dispiaciuto tantissimo non essermi documentato come si doveva prima di andare lì, l'avrei di certo apprezzata di più.
Di sicuro la cosa che mi ha emozionato è stato il "Muro del Pianto". Vedere quei ragazzi, dai capelli rasati e le basette lunghe che penzolavano sulle orecchie, con quegli abiti un pò strani, il copricapo tipo papalina che pregavano con un tale impeto, una tale forza ed intensità, con una mano appoggiata al muro e l'altra che manteneva un libro di preghiere... Ad alta voce, ognuno per conto suo, si dibatteva mentre urlava al cielo le sue preghiere. Quei ragazzi della mia età che gridavano con tanta veemenza quei versi sacri. Quei bambini, seduti, dai volti annoiati, accanto ai genitori che pregavano. Oggi tra l'altro è sabato e questo giorno per gli ebrei è sacro. Non si lavora, non si fa nulla se non pregare. E' vietato persino l'uso dell'auto, si va a piedi al "Muro del Pianto" e si prega: gli uomini da un lato e le donne da un altro.
Vediamo anche la celebre "Cupola d'Oro" della Moschea di Gerusalemme e dopo vari check points riusciamo ad entrare in Palestina, nella città di Betlemme, dove nacque Gesù!
Improvvisamente tutto cambia qui. Non si vedono più scritte ebraiche o persone dalle lunghe basette ma è tutto in arabo, riappaiono di nuovo le donne col velo e quelle col burka eppure siamo a pochi km da Gerusalemme.
Che spettacolo anacronistico vedere quel grande muro che separa Israele dalla Palestina. Tutti quei posti di blocco, quei militari delle forze speciali che s'aggiravano tra i turisti armati fino ai denti...
Buttiamo giù il Muro di Berlino mentre qui ne stanno costruendo un altro. La storia non sempre insegna!
Proseguiamo la nostra esplorazione alla volta della celeberrima "Mangiatoia" (dove il bue e l'asinello riscaldarono Gesù Bambino appena venuto al mondo) e la Grotta della Natività. Le emozioni si susseguono a ritmo vorticoso.
S'è fatto tardi! La nostra frontiera è già chiusa (come già sapevamo), dovremo lasciare la Terra Santa attraverso un'altra frontiera situata a nord, a due ore di strada dalla precedente e vicina ad un'altra città di biblica memoria: Gerico. Dobbiamo sbrigarci anche perchè non possiamo minimamente rischiare, domattina si ritorna in Italia via Amman!
Arriviamo appena in tempo anche se la burocrazia e i controlli doganali non ci abbandonano.
Grande sospiro di sollievo: siamo dall'altro lato! Ma la giornata è ancora lunga!
Un bus ci conduce alla frontiera giordana. Il militare ci avvisa che dovremmo pagare un'altra tassa di ingresso molto costosa. Insurrezione! Io e Nick cerchiamo di risolvere la questione diplomaticamente ma invano. Alla fine riesco a telefonare al nostro contatto giordano: Ahmad che dopo tante peripezie ci toglie dai guai... Ma ancora una volta la giornata è ancora lunga sebbene sia notte fonda...
Notiamo due ragazze con due grandi back packs... Provenivano da Israele dopo aver viaggiato attraverso Yemen e Oman! Che matte!
Dopo aver sbrigato tutte le formalità, Ahmad ci chiede una cortesia che però ci farà perdere altro tempo!
Finalmente riusciamo a ripartire con due taxi. Diamo un passaggio anche alle due ragazze ungheresi. Ben presto la nostra auto si trasforma in una discoteca ambulante araba. Musica ad altissimo volume mentre noi balliamo nonostante siamo stretti come sardine (in 4 dietro in un surrogato della nostra FIAT 127 araba). Ogni tanto il volume si abbassa perchè ci sono gli onnipresenti check points...
Arriviamo verso mezzanotte ad Amman e subito corriamo a ringraziare di cuore il grande Samer che ci ha organizzato un meraviglioso tour!
Eva ed Aniko dormiranno da noi, infiltrate, domani hanno il volo di ritorno per Budapest... Prepariamo un lettino da campo con tanto di coperte e cuscini sulla moquettes e via in giro per Amman...


[ continua su: www.born2travel.it ]

Condividi questo articolo se ti è piaciuto...